K

La città è rimasta in piedi. Ci mando qualcuno ogni tanto, ritorna sempre e me la racconta di nuovo.
E’ solo un libro.
E negli occhi c’è il sollievo di chi è potuto ritornare. 
Io sono scappata, vivo in esilio.
Un libro è solo una combinazione di parole, una chiave.
Mi sono ritrovata ad essere porta all’improvviso. Si è aperto uno squarcio, ci passi attraverso ogni volta che ti indico la direzione.
Tutti ritornano, sopravvissuti.
Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *