Libertà

C’è un vecchio in carrozzella, l’hanno portato sul ciglio della strada, vicino al distributore di benzina. Guarda le auto passare, porta un cappello di paglia, per non rattrappire ancora.
Incontriamo un nero attraversando la piazza. Cammina con gli occhi spenti, il passo è lento, sa di vuoto. Mi dici che ha provato a scrollarsi di dosso la vita che gli rimane, non c’è riuscito.
Così l’ha fatto ancora. 
I medici gli hanno ricucito l’anima sulle spalle, lui non sa che farsene.
Il vecchio conta le audi bianche. Sputa. Se ne passano almeno quattro andrà a letto felice. 
Poi una folata di vento lo sbriciola, come le foglie secche in autunno.
Il nero pensa in una lingua lontana. 
Galleggia e si lascia marcire. Guarda le forme delle nuvole che viaggiano, lui rimane e si sente solo.
Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *