Wendy

E dentro sento esplodere Le luci della centrale elettrica, forse non le hai mai ascoltate perché la malinconia ti ha fatto paura.

Sono amara come il cerume, l’abbiamo assaggiato quando all’asilo si capiva il corpo.

Invece dovresti leggere le parole, come fosse un poeta. Rimarresti sorpreso, anche la tristezza cambia, ti eri sbagliato, sono solo una finestra chiusa. 
Dimmi che non rimarrai bambino per sempre. Anche Peter Pan smetterebbe di volare per invecchiare accanto a qualcuno.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *