Fantasia

Se sei uno di quelli che hanno già messo in valigia Cinquanta sfumature di grigio fermati qui e smettila di leggere il mio blog.
Se invece hai bisogno di un consiglio, fidati, va’ in libreria e ordina Sinapsi.
Sinapsi è una raccolta di racconti scritti da Matteo Galiazzo. 
Chi sarebbe questo qui? 
E hai anche ragione a chiederlo.
Matteo Galiazzo è uno scrittore che ha deciso di non scrivere più. Aveva talento, pubblicava negli anni Novanta con Einaudi. Faceva parte della Generazione cannibale. Io allora ero troppo piccola.
Di fatto un giorno ha deciso di smetterla, in fondo è bello anche il mondo fuori, così si è laureato in Economia e ha iniziato a programmare computer. Senza troppi rimpianti, a dire il vero.
Ed è una cosa rara se ci pensi, che uno decida di abbandonare, quando un sacco di gente sarebbe disposta a pagare pur di poter dire agli amici “ehi ragazzi, pubblico il mio libro!”. E’ come se, in tempi di silicone, una maggiorata naturale decidesse di ridursi il seno a una prima.
Credo che Galiazzo sia un tipo coerente, oltre che capace.
Lo stimo.
Perché i racconti compresi in Sinapsi mica si è messo a scriverli ora, eh no. E’ stato B Bianchi con quelli di Indiana a raccogliere e a riordinare testi apparsi dieci, forse anche quindici, anni fa su giornali e riviste.
In Sinapsi c’è un sacco di fantasia, le storie sono come non te le aspetti. E anche se surreale e reale sono continuamente mischiati, presto ti accorgi di come lo sguardo di Galiazzo sia profondamente concreto e raffinato.
Bravo.
Ecco.
Ancora.
Per quelli che hanno comprato Cinquanta sfumature di grigio e comunque hanno letto questa recensione un consiglio.
Se volete eccitarvi, in Internet ci sono i porno gratis. Non lasciate che le librerie siano invase da parole sadomaso che volgarmente e per restare in tema, non valgono una sega.

Se allenate l’immaginazione con pagine ben scritte i pensieri diventeranno potenti e gli harmony ve li potrete inventare con qualcuno, magari in camera.

Un po’ di link utili!

Condividi:

2 pensieri su “Fantasia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *