Rivoluzione

Non so se arriverà in una giornata di pioggia o in una di quelle col cielo lucido, come domenica, quando si annusava il mondo azzurro profumato d’erba pulita, facendo colazione sulle colline di Montepulciano.
Mi hanno detto sei troppo brava, quindi ti avvisiamo per tempo, l’economia va male, non sappiamo se potremo tenerti, finito lo stage. Guardati intorno.
Intorno vedo gente perbene chiedersi cosa stia accadendo, le lauree servono solo ad abbellire pareti spoglie, gli uffici vomitano disoccupati e poi muoiono.
Dentro il mio stomaco è scoppiata una bomba, mi aggrappo alla scrittura che è sempre stata l’unica certezza. 
Sventola una bandiera nera.
Quante persone dovranno esplodere perché la terra torni ad essere una pagina bianca?
Condividi:

9 pensieri su “Rivoluzione

  1. dovresti fare una porca figura con un tacco 12 sventolando una bandiera nera (mai però una bandiera bianca!!).Leonardo

  2. Ilaria , sei un numero primo
    Non mollare , la tua scrittura e'intelligente,coinvolgente,
    ironica,simpatica…
    Non mollare , non hai ancora trovato chi ti sappia apprezzare in tutto il tuo valore

  3. Io pubblico già su carta e online, basta che mi cerchi con google, credo tu riesca a trovare qualcosa 😉

    A settembre incrociando le dita dovrebbe uscire una cosa più grossa, ne parlerò qui a tempo debito.

    Ma chi sei?

    ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *