Fine di una recessione

Con la pioggia anche i bambini sembrano vecchi.
Io sotto gli occhi ho la pelle più grigia, la copro con il correttore e serve a poco. Dovrei ridere e arrossire, invece sono solo truccata.
C’è un ragazzo che si è comprato un pitbull perché è disoccupato. Gli serviva un buon motivo per alzarsi e l’ha trovato. Vivono in un appartamento di cinquanta metri quadri senza giardino. Il cucciolo sta crescendo e ha bisogno di terra, corsa e odori per addormentarsi la sera senza avere voglia di sbranare una scarpa. Così annusano le strade, si sentono amici anche se in giro è solo bagnato e le pozzanghere ti fanno venire voglia di annegare.
Un giorno pioveranno solo coriandoli, ti prometto e tu mi sorridi. Cammineremo insieme e ci sentiremo migliori calciando le stelle filanti vicino ai marciapiedi. Fingeremo che sotto i colori l’asfalto profumi di pesco e non puzzi di marcio come sembra in questi tempi.
Dovrebbe arrivare l’estate, ci dicono, e invece è solo carnevale.
Condividi:

8 pensieri su “Fine di una recessione

  1. E' andato in crisi anche il tuo correttore di bozze ….mamma mia quanti errori !! Forza e coraggio , io non posso più ma tu puoi ancora farti un bicchiere di prosecco e vedere le pozzanghere trasformarsi in laghi rilucenti !!!! Il Nonno 55enne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *