Polvere

C’è una donna che spazza la strada, ogni giorno.
Quest’estate vedevo il sudore colarle dai vestiti, portava canottiere larghe che non si preoccupava di sistemare quando le cadevano dalle spalle. Così le guardavo il collo e l’inizio di due seni flaccidi che sbattevano uno contro l’altro come gelatine arrabbiate. 
Non c’è niente da pulire sulla strada. Passa solo qualche auto, nessuno getta cartacce, ogni tanto qualche foglia si ferma vicino al marciapiede.
La donna spazza comunque, anche quando piove. Se tiene la scopa non ha abbastanza mani per stringere l’ombrello, così i capelli bagnati si incollano al viso e gli occhi si fanno ancora più sporgenti.
Chi la vede pensa sia una vecchia che col tempo ha perso la ragione.
Io credo che spazzare la strada sia solo un modo perbene per sentirsi meno soli.
Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *