Acqua

Dici che ti piace il freddo, ma quando oggi hai visto la primavera hai aperto le finestre e l’hai fatta posare sopra ai mobili. L’ho fatto anch’io. Fuori il fiume è diventato chiaro, lo vado a guardare anche se non ha niente da dirmi, forse sono io che vorrei parlarci, gli chiederei com’è esser acqua e pulire la terra da quello che c’è di storto.
Gli alberi, li senti, dentro i rami ci scorrono le foglie, presto esploderanno e tu ti ritroverai più vecchio a guardare la vita che va a capo e ricomincia.
Lo sai, noi possiamo solo andare avanti e portarci via le pietre. Diventeremo più forti con l’arrivo dei temporali e come il fiume spazzeremo via l’inverno.
Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *