Carol

Mio padre e mia madre sono insieme dalla quinta ginnasio. Mio padre studiava francese, mia madre inglese. Mio padre ci racconta di esser stato colto nel fiore dei suoi anni, poveretto – si dice – così giovane, portavo ancora i pantaloncini corti.

Mia madre e mio padre litigano sempre per le stesse cose. Mia padre brontola e allora brontola anche mia madre, ma di nascosto. Mi chiama per sfogarsi  e mi racconta la solita solfa. Tuo papà critica tutto, mi sgrida se non gli preparo l’insalata e poi si fa i panini con la maionese, ha organizzato una cena a casa nostra anche il prossimo sabato e io non ho nessuna voglia di vedere gente.

Mio padre dice che tra i due spera di morire per secondo, ma noi lo conosciamo abbastanza per sapere che senza di lei sarebbe finito.

Per migliorare il suo inglese mia madre, che l’inglese lo insegna, da tre o quattro mesi ha cominciato a far conversazione con un’americana. Si sentono su Fluentify ogni settimana, sono diventate amiche. Parlano di Trump, delle loro famiglie, di viaggi e mia madre ogni volta che telefona a Carol è raggiante. Mio padre ovviamente non può prender parte alla sua felicità perché l’inglese non lo capisce. E rosica. Per la prima volta è completamente escluso da qualcosa in cui non può essere coinvolto.
Così all’inizio dice che mia madre si è innamorata di un’altra.
Poi non ne parla più.
Poi un giorno annuncia solennemente: ho deciso di far conversazione con Carol.

Ora. Mio padre è sempre stato un burlone, ma mi pare che linguisticamente la cosa sia talmente irrealizzabile che il proposito sia destinato a fallire.
E invece succede davvero.

Si sono divertiti tanto, inizia mia madre.
Abbiamo parlato di tutto. Dei cani, della cucina, del lavoro, continua mio padre.
Gli ha anche chiesto se è già andato in pensione.
No che non me l’ha chiesto.
Sì che te l’ha chiesto. Gli hai anche risposto.
E cosa gli ho risposto? Guarda che ti sbagli.
Non mi sbaglio, bisbiglia mia madre.
Saprò cosa ci siamo detti, taglia corto mio padre. Mi ha anche dato il voto, cinque stelle.
E come glielo hai chiesto?
And stars?
Mia madre alza gli occhie ride. Anche Carol ha riso tanto.

Cominciare a parlare una lingua per la propria moglie, non è questo amore?
Va là, dice mio padre.
Ma sappiamo tutti che è così.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *